SCARICA LA MOBILE APP

Piano di Lavoro

FASE

AMBITO

PARTNER RESPONSABILE

PARTNER

COINVOLTI

RISULTATI ATTESI

TIMING (INIZIO-FINE)

1

Coordinamento tecnico e amministrativo del progetto

GIS in qualità di Capofila

Tutti

Kick- off del progetto e definizione del suo modello di gestione tecnico e amministrativo

Dal mese n. 1 al mese n. 3

2

Ricerca Industriale

LILT

Tutti, sebbene si occuperà in senso stretto della Ricerca Industriale critica

LILT

Definizione delle criticità e delle potenzialità inerenti l’utilizzo delle ICT per circoscrivere il rischio antropogenico negli stabilimenti industriali interessati.

Dal mese n. 4 mese al mese n. 7

3

Sviluppo Sperimentale

GIS

GIS sarà responsabile dello studio di fattibilità e dell’elaborazione del Software. Gli altri partner collaborano secondo necessità.

Elaborazione del RISK MANAGEMENT per la gestione efficace ed efficiente delle operazioni industriali

Dal mese n. 8 al mese n. 16

4

Sviluppo Sperimentale

GIS/FMG

GIS sarà responsabile della customizzazione e dell’implementazione del software presso gli stabilimenti FMG. FMG esegue la sperimentazione presso i propri stabilimenti. Gli altri partner collaborano secondo necessità.

Implementazione / sperimentazione del Software RM su uno stabilimento industriale

Dal mese n. 17 al mese n. 27

5

Raccolta dati, analisi e diffusione dei risultati del progetto

LILT – DATANET

Tutti i partner del progetto sono chiamati a raccogliere i dati relativi alle attività implementate in seno al progetto; LILT sarà responsabile dell’analisi scientifica dei risultati intermedi e finali del progetto e delle pubblicazioni finali. DATANET cura la diffusione dei dati, dei risultati, delle informazioni e delle applicazioni del progetto durante tutta la sua durata.

Analisi, valutazione e diffusione dei risultati del progetto

Dal mese n. 3 al mese n. 30

Problematica AffrontataObiettivi Tecnologici del ProgettoObiettivi StrategiciPiano di LavoroSAL – Stato Avanzamento LavoriDocumento Pericoli Finali La ricerca industriale ed il rischio antropogenico nella provincia di Siracusa